lunedì 25 ottobre 2010

Google cars: Italia interveniente i garante sulla privacy

Il Garante privacy italiano, interviene ,con un provvedimento ,nel quale si richiede a Google di fornire ai cittadini dettagliate notizie sul passaggio delle auto, affinché essi possano decidere liberamente di voler essere immortalati nelle istantanee che verranno pubblicate sul servizio Street View.

L'Italia è il primo stato in Europa che ha adottato  provvedimento prescrittivo, che prevede anche sanzioni, nei confronti del colosso Google.

Le «Google cars» dovranno essere riconoscibili non più soltanto dalla loro telecamera montata sul tetto delle auto, ma doveranno avere adesivi ben visibili con il marchio della società o del servizio.
La società californiana,inoltre sarà obbligata a pubblicare sul proprio sito web, tre giorni prima dell'inizio delle riprese, le località visitate dalle vetture di Street View. Inoltre Google dovrà pubblicare  sulle pagine di cronaca locale di almeno due quotidiani, ed infine anche diffondere la comunicazione via radio per ogni regione visitata.

Fino ad oggi Google si è sempre limitata a fornire informazioni molto vaghe alla popolazione, indicando nomi di città senza specificare quartieri e ovviamente queste informazione erano pubblicate unicamente sul sito ufficiale di Google.
Il Garante della privacy a dato voce alle molteplici segnalazioni pervenute all'Autorità dai cittadini stufi di essere immortalati e inseriti su Street View senza che fossero avvisati o informati della cosa.

In ultimo, ma non certo in ordine d'importanza, vi segnaliamo che la società di Mountain View sarà obbligata a nominare un suo rappresentante per il territorio italiano. Questa figura avrà il compito di supportare e e sarà il punto di riferimento dei cittadini che potranno rivolgersi ad esso al fine di tutelare la propria privacy.
Nell'eventualità che Google non adempia a quanto decretato dal Garante, quest'ultimo potrà sanzionare pecuniariamente la società californiana, con multe che potranno sfiorare i centottanta mila euro.

Posta un commento